sabato 2 aprile 2011

I capelli delle fate

Una graminacea dal grande valore paesaggistico ed ecologico è la stipa austroitalica Martinowsky. Tipica dei pascoli aridi, si trova limitate aree dell'Italia meridionale. Questa specie è infatti tutelata da una direttiva della comunità europea relativa alla conservazione della flora selvatica.
Passeggiando per i pascoli della Murgia verso la fine della primavera, durante la fioritura, è facile che l'attenzione ricade sui manti argentei formati dalle spighe simili a soffici, impalpabili capelli.
Al caratteristico aspetto sono infatti legati i suggestivi nomi popolari con cui viene chiamata la graminacea: erba della fate, lino delle fate piumoso, capelli delle fate.

Forse le chiome argentee sono lasciate dalle fate per addolcire i rocciosi e aridi pendii delle Murge e ricordare ai suoi abitanti la magnificenza della natura e il suo delicato equilibrio.

Nessun commento:

Posta un commento

Di luci lampeggianti e impasti di pizze

Per pura curiosità ho provato a far tradurre il titolo di un recente articolo in finlandese a Google Translate . La frase da tradurre era...