Lingua finlandese, tre citazioni

Vorrei segnalare tre citazioni sulla lingua finlandese di tre scrittori diversi tra loro. Un britannico, un finlandese e un italiano.

“It [discovering Finnish] was like discovering a wine-cellar filled with bottles of amazing wine of a kind and flavour never tasted before. It quite intoxicated me.”
 J.R.R Tolkien
Ei Suomi ole mikään kieli, se on tapa istua penkin päässa karvat korvilla.
Paavo Haavikko

Tradurrei così la citazione di Haavikko: "il finlandese non è una lingua, è un modo di stare seduti all'estremità di una panchina con i paraorecchie (sulle orecchie)".
Non mi avventuro nella sua interpretazione.

La terza è tratta dal romanzo "Nuova grammatica finlandese" scritto da Diego Marani.
"Il finlandese è una lingua massiccia, un po' bombata sui lati, con sottili tagli al posto degli occhi e così sono fatte le case di Helsinki, i visi della nostra gente. È una lingua dai suoni dolciastri e molli come la carne del pesce persico e della trota che si cuoce nelle sere d'estate in riva ai laghi dal fondale coperto di alghe rosse come le case di legno dei cacciatori, come le bacche che sanguinano d'estate nei cespugli."


  

Commenti

  1. Splendide descrizioni! Quella di Marani, in particolare, è una delle più poetiche descrizioni di una lingua che abbia mai sentito.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Come si chiamano gli abitanti di Helsinki?

Errori di lingua più comuni nei dialetti meridionali

Cannaruto e canarile